Vaccini, 96 casi di false dichiarazioni in pochi mesi

L'esecutivo di Giuseppe Conte, tramite il Ministro della Salute Giulia Grillo, aveva assicurato che sarebbero stati effettuati dei controlli approfonditi sulle autocertificazioni sulle vaccinazioni per i bimbi in età scolare e oggi, a pochi mesi dall'avvio del nuovo anno scolastico, i carabinieri del Nas hanno confermato che i furbetti sono stati quasi 100 in tutta Italia.

In questi mesi i Nas hanno svolto un monitoraggio in tutto il Paese, effettuando controlli in 1.493 scuole italiane ed esaminando oltre 55mila documenti tra certificati e autocertificazioni presentati dai genitori nel perfezionamento dell'iscrizione a scuola dei propri figli, che prevede l'essere in regola con le vaccinazioni obbligatorie.

96 i casi emersi di false attestazioni, documenti falsi che documentavano vaccinazioni mai davvero effettuate, 96 persone che hanno quindi mentito pur sapendo di aver rischiato di mettere a repentaglio la vita di migliaia di bambini e il diffondersi di malattie che un semplice vaccino riesce ad evitare.

I responsabili di queste false dichiarazioni sono stati prontamente denunciati per falso ideologico commesso da privato in atto pubblico, reato punito in Italia con la reclusione fino a due anni, come previsto dall'articolo 483 del Codice Penale.

Foto | iStock

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO