Napoli, uccide la moglie di botte e poi chiama il 118

Ennesimo femminicidio alla vigilia della Festa della Donna.

Napoli uccisa a botte dal marito

Fortuna Bellisario, 36enne che viveva in Corso Mianella, nel quartiere Miano, a Napoli, è stata uccisa dal marito, Vincenzo Lo Presto, di 41 anni. È stato proprio lui a chiamare il 118 e a dire "Non respira più, aiutatemi", dopo averla picchiata a sangue.

Secondo le prime ricostruzioni, dopo un litigio l'uomo avrebbe picchiato la moglie con una gruccia per i vestiti. I due vivevano in un rione di edilizia popolare, composto da edifici di due piani. I figli, di 7, 10 e 11 anni, al momento della lite erano usciti con la nonna.

I vicini hanno definito i due come una coppia tranquilla e non hanno parlato di litigi sentiti prima del tragico epilogo di oggi. Anche la lite che ha poi portato al femminicidio non sarebbe stata udita da nessuno. Ma intanto la donna è morta e lascia orfani tre bambini.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO