Tenta suicidio in carcere l'uomo che uccise per "tempesta emotiva" Olga Matei

Ora è ricoverato a Ferrara in gravi condizioni.

omicidio olga matei pena dimezzata

Michele Castaldo, il 57enne che ha ucciso l'ex compagna Olga Matei, e che qualche giorno fa ha ottenuto il dimezzamento della pena perché, secondo il giudice, ha agito per la "tempesta emotiva" dovuta alla gelosia, questa sera ha tentato l'omicidio in carcere a Ferrara. Ora è stato ricoverato presso l'ospedale della città ed è in gravi condizioni.

L'uomo, reo confesso, è nel reparto rianimazione. Ha compiuto il femminicidio il 5 ottobre 2016 a Riccione, strangolando la compagna a mani nude. La loro relazione durava solo da un mese.

Dopo essere stato condannato a 30 anni di carcere dal giudice per l'udienza preliminare di Rimini, per omicidio aggravato da abbietti e futili motivi, si è visto riconoscere dalla Corte d'Appello di Bologna il dimezzamento della pena (16 anni) perché avrebbe agito in piena "tempesta emotiva" causata dalla gelosia e dunque gli sono state riconosciute le attenuanti.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO