Foggia: ucciso presunto boss di Vieste già scampato a due agguati

girolamo perna ucciso vieste indagini carabinieri.jpg

Per l’omicidio del presunto boss Girolamo Perna, vittima di un agguato ieri sera a Vieste (Foggia), sono stati eseguiti 5 stub su alcuni sospetti, membri di un clan rivale. Perna, 29 anni, sorvegliato speciale, secondo gli inquirenti era a capo dell’omonimo clan mafioso che spadroneggia sul territorio di Vieste.

Girolamo Perna, già scampato miracolosamente a due agguati, ieri verso le 21 era stato raggiunto davanti casa da diversi colpi di pistola e anche se inizialmente sembrava che le sue condizioni non fossero così critiche, il quadro clinico è poi peggiorato e l’uomo è morto nella notte all’ospedale di San Giovanni Rotondo dove era stato ricoverato.

L’agguato è avvenuto in località Piano Piccolo di Vieste. I carabinieri che hanno avviato le indagini sull’omicidio del ritenuto boss hanno fatto sapere che non ci sarebbero testimoni oculari del delitto che potrebbe essere una risposta a un omicidio avvenuto il 21 marzo a Mattinata, sempre nel foggiano, nell'ambito della guerra di mafia tra clan che si contendono il controllo della zona. Una faida che va avanti dal 2015 e che ha già provocato dieci morti ammazzati, un caso di lupara bianca e sei tentativi di omicidio.

I militari stanno controllando gli spostamenti delle ultime ore di diversi pregiudicati. Perna era evidentemente nel mirino da diverso tempo: gambizzato a settembre 2016 vicino casa, sempre nei pressi della sua abitazione subì a marzo 2017 un altro agguato mentre era in auto con la moglie e figli.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO