Modena: indossa il velo, esclusa dalla palestra. Proprietario: "Non iscrivo Batman"

indossa velo niente palestra modena

"Se indossi il velo non puoi entrare in palestra". Siamo a Mirandola in provincia di Modena dove una ragazza di 28 anni, italiana di origine marocchina, ha raccontato della discriminazione subita da parte del titolare di una struttura sportiva privata.

"Conosco la legge, la Costituzione, i suoi principi e i suoi precetti, e ciò che mi è successo non ha scusanti" ha denunciato la ragazza. Il titolare della palestra di fronte all’incredulità della giovane avrebbe risposto: "Mia la palestra, mie le regole".

"Il proprietario ha rifiutato la mia iscrizione perché mi vesto in modo poco occidentale. E ha aggiunto che lui non concede l'iscrizione a Batman o alle suore" ha detto la 28enne sfogandosi con una lettera inviata al comune di Mirandola. L’amministrazione cittadina nel condannare l’episodio ha offerto tutto il suo aiuto alla ragazza qualora decidesse di intentare un’azione per far rispettare i suoi diritti.

"La decisione del titolare della palestra è inaccettabile, perché lede i diritti fondamentali sui quali si basa la nostra convivenza civile. Purtroppo siamo di fronte all’ennesimo frutto avvelenato di chi, ogni giorno, semina odio e paure" ha commentato l’amministrazione comunale. La ragazza ha voluto precisare che in ogni caso l’episodio accaduto venerdì scorso "non caratterizza Mirandola, la mia Mirandola, e i suoi abitanti".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO