Viterbo: commerciante ucciso a sprangate. Fermato un 22enne

Norberto Fedeli, commerciante 74enne, è stato ucciso nel suo negozio nel centro di Viterbo

Il presunto responsabile dell'omicidio di Norveo Fedeli, l'anziano commerciante massacrato ieri a Viterbo durante una rapina, è stato identificato e fermato. Si tratta di un 22enne sudamericano incastrato dalle telecamere di sorveglianza installate nel negozio e nella zona.

Il giovane, stando a quanto reso noto dalle forze dell'ordine, è stato bloccato questa mattina dai carabinieri di Capodimonte, comune di poco meno di 2mila abitanti in provincia di Viterbo, e l'abitazione in cui il 22enne risulta residente è stata prontamente perquisita dai militari.

A confermare il fermo del giovane è stato il Ministro dell'Interno Matteo Salvini, che non ha fornito ulteriori dettagli e si è limitato ad usare la notizia per fare la solita propaganda:

Fermato il presunto assassino del commerciante di Viterbo: si tratta di uno straniero residente in un paesino della zona. Grazie a inquirenti e forze dell'ordine.
Chi delinque, ha le ore contate. E' la migliore risposta a chi cerca polemiche: io faccio parlare i fatti.

🔴Fermato il presunto assassino di Norveo Fedeli, il commerciante barbaramente ucciso ieri a Viterbo durante una rapina:...

Posted by Matteo Salvini on Saturday, May 4, 2019

Viterbo: commerciante ucciso a sprangate durante una rapina

Orribile omicidio nel cuore di Viterbo, in via San Luca. Un commerciante di 74 anni, Norveo Fedeli, molto conosciuto ed apprezzato in città, è stato ucciso oggi a sprangate nel suo negozio. L'omicidio è avvenuto intorno all'ora di pranzo, probabilmente legato ad un tentativo di rapina. Il suo corpo senza vita è stato ritrovato intorno alle 13:40 da una vicina, entrata all'interno del negozio perché stupita dal fatto di vederlo ancora aperto a quell'ora.

La donna è entrata nell'esercizio ed ha trovato il corpo di Fedeli in una pozza di sangue. Le urla di disperazione della donna, sconvolta dall'orrore, hanno attirato anche la moglie della vittima, che si trovava all'interno della sua abitazione distante poche decine di metri. Quando la moglie di Fedeli è arrivata sul posto ha accusato un malore ed è stata soccorsa prima dai presenti e poi dal 118.

Stando ai primi rilievi della polizia, l'uomo è stato colpito con una spranga di ferro o con uno sgabello e, una volta caduto a terra, l'assassino lo potrebbe aver finito schiacciandogli la testa con uno scarpone; sul cranio della vittima, infatti, sono state trovate tracce di fango. Uno scenario agghiacciante che testimonia l'assoluta crudeltà e determinazione dell'assassino.

Incredibilmente nessuno ha notato nulla durante l'aggressione, avvenuta verosimilmente poco prima dell'uscita di scuola di due istituti distanti appena 20 metri dal negozio.

Il commerciante era molto noto a Viterbo, con una lunga carriera alle spalle, famoso anche perché fu il primo a vendere i blue jeans nel centro laziale.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO