Siria: liberato Alessandro Sandrini, rapito nel 2016

L'uomo è stato liberato in Siria, nella zona di Idlib

Alessandro Sandrini è libero dopo oltre 2 anni e mezzo vissuti in Siria, nelle mani dei suoi sequestratori. A liberarlo è stato un gruppo antigovernativo della zona di Idlib, che lo ha sottratto ad una "banda criminale". L'uomo, originario di Folzano in provincia di Brescia, ha oggi 32 anni ed era sparito nel nulla dal 3 ottobre 2016, quando si è imbarcato dall'aeroporto di Bergamo per raggiungere Istanbul e quindi poi Adana, metropoli di oltre 2 milioni di abitanti che si trova a 180km da Aleppo.

Alla sua famiglia Sandrini aveva raccontato di essere partito per una settimana di vacanza. Il 10 ottobre, però, la fidanzata e i familiari non l'hanno visto scendere dall'aereo come previsto.

Le prime notizie sul suo conto arrivarono un anno dopo, il 17 ottobre 2017, quando lo stesso Sandrini ha telefonato alla madre e le ha spiegato di essere stato rapito: "Ciao mamma, è un anno che manco da casa e so che mi stai cercando. Non so dove sono, mi hanno sequestrato. Ti prego aiutami". Il 3 dicembre dello stesso anno, c'è stata una seconda telefonata e il 22 dello stesso mese un'altra ancora. Il 21 gennaio 2018 è stata registrata la quarta ed ultima telefonata, nella quale si è sfogato sempre con la madre: "Lo Stato italiano non sta facendo nulla. Mi vogliono far morire qui".

Il 19 luglio del 2018 in rete è stato pubblicato un video (in alto al post), nel quale Sandrini appare inginocchiato, con alle spalle due uomini armati: "Sono due anni che sono in carcere e non ce la faccio più, sono stanco dentro. Chiedo all'Italia di chiudere questa situazione in tempi veloci perché hanno detto chiaramente che sono stufi, che mi uccideranno se la cosa non si risolve in tempi brevi e io chiedo di aiutarmi"

Adesso è arrivata la svolta improvvisa e inattesa. In sua assenza, nell'ultimo anno, Sandrini è stato rinviato a giudizio per due reati, rapina e ricettazione, entrambi riguardanti fatti avvenuti prima dell'ottobre 2016.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO