Concorsi truccati, sospesi il rettore dellʼuniversità di Catania e 9 professori

Indagati 40 professori di 14 università. 27 le gare sospette

Il rettore dell'Università di Catania, Francesco Basile, ed altri nove professori della stessa sono stati interdetti dai pubblici uffici per decisione del Gip che ha valutato l'inchiesta "Università bandita" sui concorsi truccati, condotta dalla Polizia di Stato del centro etneo e coordinata dal Procuratore Zuccaro. I reati ipotizzati a carico delle persone coinvolte sono associazione a delinquere, corruzione e turbativa d’asta.

I nove indagati sono tutti professori considerati di alto profilo nell'Università catanese: l’ex rettore Giacomo Pignataro, Giuseppe Sessa (Medicina), Filippo Drago (Medicina), Carmelo Monaco (Agraria), Giancarlo Magnano di San Lio (Filosofia), Giuseppe Barone (Scienze Politiche), Michela Maria Bernadetta Cavallaro (Economia), Giovanni Gallo (Matematica) e Roberto Pennisi (Giurisprudenza).

La Digos ha accertato l'esistenza di 27 concorsi truccati in tutta Italia: 17 per professore ordinario, 4 per professore associato, 6 per ricercatore. Nel procedimento risultano complessivamente indagati 40 professori delle Università di: Bologna, Cagliari, Catania, Catanzaro, Chieti-Pescara, Firenze, Messina, Milano, Napoli, Padova, Roma, Trieste, Venezia e Verona.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO