Trentino, l'orso M49 fugge durante la notte: "Pronti ad abbatterlo"

È caccia all’orso in Trentino. Questa notte la Guardia Forestale è riuscita a catturare l'orso denominato M49 per il quale il Presidente della Provincia autonoma di Trento, il leghista Maurizio Fugatti, aveva firmato un'ordinanza di cattura per abbattere l'animale. L'orso in questione era stato etichettato come pericoloso perché si è avvicinato più volte alle zone abitate, l'ultima delle quali in una malga dove erano presenti delle persone intente a lavorare.

All'ordinanza di Fugatti aveva risposto il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, che aveva accusato il Governatore di aver emesso un provvedimento illegittimo perché privo di una deliberazione ufficiale da parte di tecnici che avessero confermato la pericolosità dell'animale.

Fugatti aveva replicato che non c'era più tempo da perdere e che la sua decisione era dovuta alla pericolosità dell'animale, responsabile da solo dell'80% dei danni causati da tutti gli esemplari presenti nella zona negli ultimi 2 anni.

Nella notte di oggi M49 è stato catturato in val Rendena e poi è stato rinchiuso nel Centro Casteller, vicino Trento. L'orso M49 è rimasto rinchiuso però solo per poche ore; è infatti riuscito a scappare, scavalcando un muro elettrificato.

A dare la notizia è stato lo stesso Fugatti, che ha rilanciato la polemica con il Ministro dell'Ambiente: "Il fatto che l'orso sia riuscito a scavalcare una recinzione elettrificata con sette fili a 7.000 volt, certificata dal ministero e da Ispra, dimostra il fatto come queste esemplare fosse pericoloso e ci fosse un problema di sicurezza pubblica tale da giustificare l'ordinanza di cattura, scelta non appoggiata dal ministero".

Dopo la fuga l'orso M49 è diventato decisamente più pericoloso perché dopo la cattura gli è stato tolto il radiocollare; adesso nessuno è in grado di rintracciare la sua posizione per catturarlo nuovamente. Fugatti ha dato l'ordine di abbattere l'animale senza esitazione qualora dovesse avvicinarsi nuovamente a zone abitate.

Costa insiste: "non abbattete l'orso"

La fuga dell'orso M49 ha riaperto il dibattito tra il Presidente Fugatti ed il Ministro Costa. La fuga dalla gabbia elettrificata secondo Fugatti rappresenta l'ennesima prova della pericolosità dell'orso, motivo per il quale ha ordinato di abbattere l'animale qualora si dovesse avvicinare nuovamente ad un centro abitato.

La nuova presa di posizione di Fugatti ha provocato l'immediata reazione del Ministro Costa: "Nessuna istruttoria fin qui elaborata dagli uffici, in collaborazione con Ispra, ha mai valutato il tema dell’uccisione dell’esemplare. Il fatto che sia scappato dall’area attrezzata per ospitarlo non può giustificare un intervento che ne provochi la morte. Il presidente Fugatti moduli legittimamente il suo intervento. Le inefficienze mostrate nella cattura, che non mi vedono e mai mi hanno visto concorde, reclamano professionalità e attenzione massima. Cosa che invece fin qui non è stata mostrata. E adesso si parla di abbattimento? Assurdo e paradossale. Intanto ho chiesto a Ispra di mandare subito una squadra che congiuntamente ai tecnici della provincia autonoma di Trento faccia chiarezza sulla fuga di M49 e poi si intervenga con la cautela del caso senza minare la vita dell'animale".

Della questione ha parlato anche Claudio Groff, capo del Dipartimento grandi carnivori della provincia di Trento, a Repubblica. Groff non ha escluso che l'orso possa venire nuovamente catturato - senza sparare allo scopo di ucciderlo - nonostante l'animale sia ormai privo del radiocollare: "Cammina alla velocità di un uomo, se è scappato in piena notte non sarà lontanissimo, ma senza radiocollare non sarà facile trovarlo. Se spareremo? Al di là delle dichiarazioni se spareremo per abbatterlo o per cercare di catturarlo ancora dipenderà dalla situazione. Se sarà una minaccia per la popolazione dovremo agire di conseguenza".

Di sicuro, la fuga dell'orso rappresenta qualcosa di "davvero inusuale" anche secondo Groff: "Quella gabbia è sicura, in dodici anni nessun orso era mai scappato. È un sistema comprovato da Ispra e ministero dell'Ambiente, per cui è davvero inusuale che sia potuto succedere. Può anche aver passato le recinzioni, ma mi chiedo come abbia fatto con l'elettricità".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO