Peschiera Borromeo: critica il comune su Facebook, le arrivano i vigili a casa

critica comune vigili

Critica l’amministrazione comunale su Facebook, si è ritrova in casa la polizia municipale. È successo a Peschiera Borromeo (Milano): una cittadina ha commentato negativamente l’annuncio del comune relativo al rifacimento delle strisce pedonali, ottenendo per contro un intervento d’ufficio dei vigili urbani. Il caso è diventato rapidamente virale sui social network, con le inevitabili polemiche.

I fatti. Lo scorso 18 luglio, il comune di Peschiera Borromeo, a pochi passi dallo scalo aeroportuale di Linate, ha comunicato tramite la propria pagina Facebook di aver rinnovato le segnaletiche orizzontali. Una buona notizia in linea di massima, ma non per tutti: alcuni cittadini, tra cui la signora protagonista di questa vicenda, si sono infatti lamentate del fatto che prima della segnaletica forse sarebbe stato meglio riassaltare alcune strade piene di buche.

"Amministrazione ridicola", il commento sprezzante della donna che non è stato affatto gradito dal comune che nel giro di poche ore ha attivato la polizia municipale. Una pattuglia dei vigili urbani la raggiunge e la invita a mettersi in contatto con il comandante Claudio Grossi. Appena messasi in contatto con lo stesso, la signora comprende il motivo della convocazione e viene anche invitata a scrivere una "lettera di scuse al sindaco". La donna ubbidisce e invia una lettera al sindaco Caterina Molinari: "Le chiedo di accettare le mie scuse più sincere per quello che ho scritto e le prometto che non succederà più".

Nel frattempo, il commento negativo viene cancellato dalla pagina del comune di Peschiera Borromeo e la vicenda potrebbe essere considerata chiusa. Purtroppo, però, non è così, perché l’episodio apre un dibattito più ampio nella cittadinanza, con da una parte chi difende l’operato dell’amministrazione (di centrosinistra) e chi invece accusa la stessa di voler zittire il dissenso. Intervistato dal sito locale 7giorni.info, il comandante dei vigili, Claudio Grossi, sottolinea però che la sindaca non sapesse nulla di quanto accaduto: "Lei non sapeva nulla, noi agiamo d'ufficio e prima di far partire una denuncia chiediamo agli utenti di fare marcia indietro".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO