Bibbiano, il racconto dell'assistente sociale: "Falsificavo rapporti su pressione dei superiori"

La donna, profondamente a disagio, aveva poi chiesto un trasferimento.

Bibbiano testimonianza di una assistente sociale

Dalle indagini nell'ambito dell'inchiesta Angeli e Demoni relativa agli affidi illeciti in Val d'Enza emerge la testimonianza di una assistente sociale, che era stata inizialmente sospesa per sei mesi, ma la cui sospensione è stata ora revocata dal giudice, nonostante il parere negativo del Pubblico ministero.

La donna ha ammesso di aver falsificato alcuni report, ma ha anche sottolineato di averlo fatto su pressione dei suoi superiori. Per esempio in un caso aveva descritto come fatiscente l'abitazione in cui vivevano due bimbi e aveva collegato l'atteggiamento di chiusura dei piccoli alla difficile situazione familiare e non al fatto che, invece, non sapessero capire e parlare l'italiano.

Tuttavia la donna, manifestando un profondo disagio nell'operare in questo modo, ha chiesto e ottenuto un trasferimento in un altro settore dei servizi sociali, trasferimento che è avvenuto nel settembre del 2018.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO