Uccide due ragazzi investendoli con l'auto dopo una lite: si costituisce 33enne

investe uccide auto

Tragedia alle prime ore del mattino ad Azzano San Paolo (Bergamo): secondo la prima ricostruzione, un 33enne ha tamponato volontariamente con la propria auto due giovani a bordo di uno scooter con i quali aveva precedentemente litigato. Le vittime sono il 21enne Luca Carissimi e il 18enne Matteo Ferrari, entrambi di Bergamo. La polizia stradale ha avviato le indagini del caso, ma stando a quanto riferisce Tgcom24, il 33enne al volante della vettura si è costituito ed è ora accusato di omicidio stradale e omissione di soccorso.

Secondo le prime informazioni, l’incidente è avvenuto intorno alle 4 del mattino: i due giovani, appena usciti da una discoteca nei pressi di Orio al Serio, stavano viaggiando a bordo di uno scooter, quando sono stati tamponati dalla vettura guidata da un 33enne di Curno. Il conducente della vettura si è subito allontanato dal luogo dell’incidente, per presentarsi più tardi alla polizia. Gli investigatori stanno lavorando sulla pista di una lite avvenuta in precedenza nel locale e per futili motivi, probabilmente per un apprezzamento di troppo nei confronti di una ragazza.

I due giovani travolti dalla vettura sono stati trasportati in gravissime condizioni presso l’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, ma per loro non c’è stato nulla da fare. L’uomo al volante della vettura è stato tratto invece in arresto ed è risultato anche positivo all'alcol test. Mentre si trovava con i poliziotti, pare abbia accusato anche un malore che ha reso necessario il trasporto in ospedale.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO