Puglia, disabile difende fratello minore da una rapina: picchiato a sangue da 10 persone

disabile picchiato canosa di puglia

Ha cercato di difendere il fratello minore da una rapina ma è stato pestato a sangue dal branco. È accaduto nei giorni scorsi a Canosa di Puglia (BAT) dove un giovane di 25 anni, affetto da sordità, è stato aggredito da una decina di ragazzi perché era intervenuto in soccorso del fratello, per fargli restituire il cellulare che gli era stato rubato dalla gang.

I fatti sono accaduti durante la festa patronale, nell’area delle giostre. Il 25enne è stato poi soccorso da due vigilantes e da alcuni cittadini mentre altri avrebbero assistito alla scena senza intervenire. Portato in ospedale a Barletta il ragazzo è stato operato per una frattura al setto nasale. Il giovane è stato preso a calci e pugni riportando altre lesioni alla faccia, a un occhio, alla spalla e a un piede. La prognosi è di 30 giorni.

Testimoni parlano di "una scena di una violenza e una cattiveria raramente viste" mentre il sindaco di Canosa Roberto Morra (M5s) dal canto suo su Facebook chiede scusa per l’accaduto e se la prende con chi avrebbe assistito alla vile aggressione senza intervenire:

"A nome dell’intera città porgo le scuse a Giuseppe e ai suoi familiari che in occasione della festa patronale sono stati aggrediti nei pressi di Piano San Giovanni. Mi chiedo che razza di uomini sono quelli che si avventano contro un ragazzo solo, per giunta con una ridotta capacità uditiva, picchiandolo selvaggiamente e facendolo finire in ospedale. Allo stesso modo non posso che esprimere sdegno per tutte le persone che hanno assistito alla scena senza intervenire. Non mi stupirei se qualcuno dei presenti abbia ripreso la scena: qualora così fosse, lo invito a consegnare il filmato alle forze dell’ordine. Ora mi aspetto che tutti i canosini presenti al vergognoso episodio collaborino con gli inquirenti per assicurare un minimo di giustizia"

Gli aggressori sono poi fuggiti, le indagini della polizia ora mirano a individuare tutti i responsabili.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO