Due fratelli di 16 e 17 anni inghiottiti dal Lago d’Iseo: non sapevano nuotare

fratelli annegati lago d’iseo tavernola soccorso inutile

Tragedia sul lago d’Iseo, a Tavernola (Como), dove due fratelli di 16 e 17 anni sono morti dopo essere finiti sott'acqua. I ragazzi, di origine pakistana, stavano trascorrendo la giornata al lago con la famiglia. Un terzo fratello di 18 anni tuffatosi per soccorrerli si sarebbe salvato per un soffio, grazie a un salvagente lanciato da un bagnante.

Nessuno dei tre fratelli sapeva nuotare secondo le prime informazioni. Tutto sarebbe accaduto dopo le 18. Dato l’allarme, i sommozzatori dei Vigili del fuoco sono giunti sul posto recuperando i due fratelli a 5 metri di profondità. Trasportati con l'elisoccorso in nosocomi diversi, uno agli Spedali Civili di Brescia, l’altro al Giovanni XXIII di Bergamo, i ragazzi non ce l’hanno fatta, entrambi sono deceduti nella notte.

Sul posto anche i carabinieri secondo cui dopo che il 17enne si era tuffato, il 16enne lo aveva seguito perché aveva visto che il fratello era difficoltà: pure lui però è rimasto bloccato in acqua, quindi il maggiorenne avrebbe provato a soccorrere tutt’e due i fratelli mettendo però a rischio anche la sua vita.

I sommozzatori sono riusciti a recuperare i corpi dei ragazzi quasi 40 minuti dopo, secondo Il Giorno. Le condizioni dei due minori erano apparse subito disperate. A ingannarli sarebbe stata una buca che si trovava a una decina di metri dalla riva.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO