Terzigno (NA), litiga col padre e fa esplodere una bomba sotto casa

Un ordigno artigianale è esploso questa notte davanti ad una palazzina in via Panoramica a Terzigno, in provincia di Napoli, provocando il ferimento di un anziano che stava transitando in automobile in quel momento e il danneggiamento di diverse auto e della facciata dell'edificio.

Ci sono voluti pochi minuti per arrivare ai responsabili, due giovanissimi di 19 e 20 anni, uno dei quali residente proprio nella palazzina danneggiata. Sarebbe stato proprio il 20enne, ora in manette insieme all'amico, a decidere di far esplodere l'ordigno dopo un litigio col padre per motivi economici.

Quella doveva essere una sorta di vendetta nei confronti del genitore, ma a finire in carcere è stato proprio lui. Il 20enne e il suo amico complice sono stati bloccati mentre, in motorino, si stavano allontanando dal luogo dell'esplosione pochi minuti dopo aver fatto deflagrare l'ordigno.

I due sono ora accusati di detenzione di materiale esplodente, danneggiamento aggravato e lesioni. La palazzina è stata subito dichiara inagibile dai vigili del fuoco, mentre le condizioni della persona rimasta ferita, un uomo di 76 anni, non destano preoccupazione.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO