Brescia, muore dopo 31 anni in coma. Ebbe un incidente nel 1988

Ignazio Okamoto è morto a 54 anni. Fu vittima di un incidente quando ne aveva 22.

Morto dopo 31 anni in coma - Brescia

A Collebeato, nel Bresciano, è morto dopo 31 anni di coma Ignazio Okamoto, figlio di una donna bresciana e di un uomo messicano di origini giapponesi. A marzo del 1988, quando aveva 22 anni, fu vittima di un incidente stradale: l'auto su cui viaggiava con altri quattro amici uscì di strada sulla A22 del Brennero. Uno dei suoi compagni di viaggio, Nicola Luigi Mori di Lumezzane, anch'egli 22enne, morì, mentre Ignazio, soprannominato Cito, entrò in coma per non uscirne mai più.

I suoi genitori si sono dedicati a lui per tutto questo tempo. Lo hanno portato a casa, facendolo dimettere dall'ospedale, e il padre ha lasciato il lavoro per seguire il figlio. La madre Marina al Giornale di Brescia, ha raccontato: "Ci siamo isolati dal mondo". Purtroppo i loro sacrifici non sono mai stati premiati da un risveglio del figlio.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO