Cosenza, calcio a bimbo immigrato: l'autore è il fratello di un pentito di camorra

stazione latina chiusa valigia sospetta treno polizia

È stato identificato e denunciato insieme alla moglie il giovane che lo scorso 3 settembre ha aggredito con un calcio un bimbo di 3 anni solo perché immigrato.

L'autore è un ragazzo di 24 anni, che al momento dell'aggressione si trovava in via via Macallè a Cosenza insieme alla moglie 22enne e la figlia neonata. I due adulti, identificati anche grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti nell'area, sono ora indagati per lesioni personali aggravate.

La coppia non era originaria di Cosenza, ma si trovava lì perchè il fratello del 24enne è un pentito di camorra e la famiglia era stata trasferita in una località protetta. La vile aggressione al giovane bimbo immigrato, che in quel momento si trovava insieme ai due genitori e ai due fratelli, ha puntato nuovamente i riflettori sulla famiglia, mettendo quindi a repentaglio l'incolumità di tutti.

E così, mentre i due giovani risultano indagati, le autorità hanno dovuto provvedere al trasferimento dell'intera famiglia una località protetta al di fuori della Calabria.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO