Omicidio Cerciello Rega, foto e video di armi e droga nei telefoni di Natale e Lee Elder

Americani arrestati per carabiniere ucciso

Rischia di aggravarsi la posizione Christian Gabriel Natale Hjort, uno dei due giovani statunitensi in carcere per l'omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega. Se Finnegan Lee Elder ha confessato poco dopo il suo arresto, Natale Hjort ha sempre sostenuto di non aver mai avuto nulla a che fare col coltello usato per uccidere il militare.

Ora, però, ci sono le analisi del Nucleo Investigativo dei Carabinieri a mettere in discussione quella versione dei fatti. Nel controsoffitto della stanza dell'hotel Le Meridien in cui gli inquirenti hanno rinvenuto il coltello c'erano anche le impronte digitali di Natale Hjort, che potrebbe quindi aver aiutato l'amico a nascondere l'arma.

La relazione rivela anche che negli smartphone dei due statunitensi sono stati rinvenuti diversi contenuti, tra fotografie e filmati, in cui Natale Hjort e Lee Elder maneggiano delle armi, sia in pubblico che al chiuso:

L'aspetto certamente più rilevante che si evince da tali immagini, è la particolare predilezione per le armi palesata da Natale, vista la sua irriverenza nell'ostentarne il possesso e la disinvoltura mostrata nel maneggio.

Secondo l'analisi dei carabinieri quelle immagini traccerebbero un profilo ben chiaro dei due arrestati:

La sequenza delle riprese e delle immagini sopra riportate fornisce un ulteriore contributo a supporto dei gravi indizi di colpevolezza già emersi a carico dei due indagati. Oltremodo eloquenti appaiono le foto ed i video in cui sia Natale che Elder maneggiano, con padronanza ed assoluta disinvoltura, delle armi. Al riguardo si segnala, altresì, che le immagini estrapolate dai telefoni cellulari dei due indagati dimostrano che entrambi hanno disponibilità di diverse sostanze stupefacenti e psicotrope.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO