Francia: è di un italiano il cadavere smembrato rivenuto in un bosco

italiano fatto a pezzi in francia

È di un italiano di 44 anni, originario di Napoli, il cadavere smembrato ritrovato in Francia cinque giorni fa. Dell’uomo era stata denunciata la scomparsa il 9 luglio scorso. Di Vittorio Barruffo, questo il suo nome, si era occupato anche "Chi l’ha visto?". L’uomo, secondo Il Mattino, abitava a Montalieu-Vercieu, nel Sud della Francia, con la compagna italiana.

Il ritrovamento del corpo di Barruffo, che era senza arti, è avvenuto domenica notte nel territorio di Charette, nell'Isère, un piccolo centro a 30 km da Bourgoin-Jaillieu, nella regione di Alvernia-Rodano-Alpi. A fare la macabra scoperta è stato un cacciatore che ha poi allertato la polizia. Il cadavere dell’italiano era avvolto in un telo di plastica abbandonato all’interno di un’area boschiva.

L'autopsia ha rilevato "lesioni craniche causate da un oggetto contundente" che sarebbero la causa della morte secondo il Dauphiné libéré, ma sulla salma gli accertamenti proseguono. Le indagini, sempre secondo i media locali, puntano sull’omicidio di mafia, comunque realizzato secondo modalità mafiose. L'inchiesta è coordinata dalla procura di Grenoble.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO