Uccise i due figli in carcere: il pm chiede l'assoluzione

detenuta figli uccisi carcere assoluzione

Alice Sebesta uccise il 18 settembre 2018 i suoi due figli nel carcere di Rebibbia: nei confronti della detenuta tedesca, 33 anni, oggi il pm Eleonora Fini chiede l’assoluzione “per vizio totale di mente”. La donna era stata già dichiarata "totalmente incapace di intendere, ma sufficientemente in grado di volere": dopo aver prelevato i figli dal nido del carcere di Rebibbia, li aveva scaraventati giù dalla tromba delle scale.

In vista della prossima udienza, lo psichiatra Fabrizio Iecher dovrà chiarire quale sia l’attuale stato di salute mentale della Sebesta. Fu proprio lui, infatti, a stabilire al termine della sua perizia che la detenuta fosse affetta da "un disturbo schizoaffettivo di tipo bipolare" e che al momento della tragedia fosse "totalmente incapace di intendere ma sufficientemente in grado di volere".

I figli della Sebesta avevano 6 mesi e due anni: il 18 settembre 2018, la detenuta attese che le altre si mettessero in fila per il pranzo per scaraventarli giù dalla tromba delle scale del nido di Rebibbia. La figlia di 6 mesi morì sul colpo, mentre il fratellino di 2 anni si spense dopo alcuni giorni di agonia.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO