Bologna: nomade senza patente aveva intestate 150 auto, denunciata

rom 150 autovetture

Non aveva nemmeno la patente di guida, eppure le erano intestate qualcosa come 150 autovetture. Una 26enne romena senza fissa di mora che vive solitamente nel bolognese è stata denunciata e dovrà anche pagare una multa da 80.000 euro. Il Nucleo radiomobile di Borgo Panigale (Bologna) ha provveduto a sporgere la denuncia nei confronti della donna, nell’ambito dell’indagine partita da Milano: le vetture intestate alla nomade erano infatti utilizzate generalmente per commettere reati o per le fughe al termine di rapine effettuate nella zona.

Interrogata dai carabinieri, la 26enne ha negato di essere la proprietaria dei veicoli e a quel punto non è rimasto loro altro che denunciarla anche per false dichiarazioni. I veicoli che effettivamente risultavano a lei intestati sono stati segnalati e cancellati dal Pubblico registro automobilistico. A mano a mano che saranno individuati sul territorio nazionale, inoltre, saranno sequestrati. Al momento, fa sapere il comandante delle operazioni, sono 15 i veicoli rintracciati.

Le intestazioni fittizie e la truffa dello specchietto

Le dichiarazioni della donna, che ha negato ogni addebito, sono state facilmente smentite dalle risultanze delle indagini. La stessa, infatti, era titolare di una partita Iva tramite la quale avveniva la compravendita delle auto. Sfruttando la legge Dini, inoltre, con la cifra agevolata di 100 euro effettuava i passaggi di proprietà. Quello che le forze dell’ordine stanno cercando di capire è quale sia il ruolo reale della donna nella vicenda. È probabile, infatti, che in cambio delle intestazioni fittizie ricevesse un compenso in denaro. Oltre che per le rapine, alcune vetture erano utilizzate, fa sapere il comandante del Nucleo radiomobile di Borgo Panigale, per la celeberrima truffa dello specchietto.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO