Silvia Romano è viva ma è stata costretta a sposare un musulmano

silvia romano matrimonio islamico

Silvia Romano è viva, ma è sottoposta a processo forzato di islamizzazione. La cooperante italiana rapita in Kenya il 20 novembre del 2018 si trova attualmente in Somalia, secondo quanto emerge dai rapporti degli 007 riportati da Il Giornale, e gli uomini che la tengono in ostaggio la stanno sottoponendo ad "una sorta di lavaggio del cervello, una manovra di pressione psicologica che punta a recidere i legami affettivi e culturali con la sua patria d’origine". Gli estremisti islamici, dunque, "vorrebbero farle assimilare, sino a sentirsene parte integrante, l’ambiente dove viene costretta a vivere: l'interno della Somalia, il Paese africano dove più forte è la presenza jihadista e dove intere zone, soprattutto nel Sud, sono sotto il controllo delle fazioni integraliste vicine alla guerriglia".

Silvia Romano, rapita a Chakama, villaggio del Kenya sito a circa 80 km da Nairobi, è stata trasferita in Somalia nel giro di qualche settimana dal sequestro. Ora si troverebbe in una zona tra il Sud e il Sudovest del Paese, dove vige la legge dei mujaeddin di Al Shabab, una delle fazioni islamiche più integraliste. Qui, la cooperante sarebbe stata costretta a contrarre matrimonio con un musulmano, probabilmente un componente della stessa organizzazione. Sembra che la volontà dei jiadisti sia quella di indottrinarla come si fa con gli altri prigionieri di guerra, in modo da farli poi rientrare nel Paese d’origine per colpire lì in nome della guerra santa.

Intanto, la diplomazia continua a lavorare sottotraccia nella speranza di addivenire alla liberazione di Silvia Romano. Rispetto alla zona del Kenya in cui è stata rapita, in Somalia è molto più difficile pensare ad un blitz militare per liberarla, piuttosto si lavora tramite contatti per trattare con i rapitori e fissare il pagamento di un riscatto. La notizia del matrimonio con un musulmano, raccolta dall’intelligence, lascia intendere che un contatto ci sia o che comunque gli 007 siano molto vicini a stabilirlo. Quello che si sta cercando di appurare è se i rapitori siano disposti a trattare e usino la notizia del matrimonio per alzare il prezzo del riscatto, oppure se ormai la considerino a tutti gli effetti una di loro e non vogliano cederla in alcun modo.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO