Delitto di Perugia, tribunale concede la semilibertà a Rudy Guede

Rudy Guede torna a perugia
Niente affidamento ai servizi sociali per Rudy Guede, il giovane ivoriano condannato per l’omicidio di Meredith Kercher, la studentessa inglese uccisa a Perugia l’1 novembre 2007. Guede, che sta scontando 16 anni di carcere, è l’unico condannato per il delitto dopo le assoluzioni definitive, nel 2015, degli altri due imputati Amanda Knox e Raffaele Sollecito.

Se a Guede, che oggi ha 33 anni, è stato negato l'affidamento ai servizi sociali, i giudici gli hanno però concesso la semilibertà dandogli il permesso di collaborare con il Centro studi criminologici di Viterbo rientrando in carcere la sera. Recluso da 12 anni, Guede ha svolto un percorso didattico e umano certificato dagli operatori che gli aveva già fatto ottenere dei benefici carcerari.

Il condannato secondo gli psicologi della casa circondariale di Viterbo si è sempre comportato "in maniera esemplare" dietro le sbarre, il tribunale ha deciso quindi che può lasciare la cella per andare per alcune ore al giorno presso il Centro studi criminologici di Viterbo, collaborazione che in realtà era già in essere, ma sulla base all'articolo 21 del regolamento carcerario.

Il tribunale ha deciso per la semilibertà dopo l'udienza del 20 settembre accogliendo in parte l'istanza dell’avvocato di Rudy Guede, Fabrizio Ballarini. La notizia è stata notificata oggi al diretto interessato.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO