Sparatoria davanti alla Questura di Trieste. Morti due poliziotti

Fermato per il furto di uno scooter, l'aggressore ha sfilato la pistola a un poliziotto.

Sparatoria vicino questura di Trieste

Aggiornamento ore 20:15 - La Polizia di Stato ha comunicato che il Capo della Polizia Gabrielli e la Ministra dell?Interno Lamorgese stanno andando a Trieste.

Aggiornamento ore 19:50 - A circa tre ore dall'accaduto è possibile fare un bilancio e una ricostruzione più dettagliata della sparatoria avvenuta oggi presso la Questura di Trieste. Le vittime sono l'agente scelto Pierluigi Rotta, 34enne di Napoli e l'agente Matteo De Mango, 31enne di Velletri, mentre altre tre agenti e uno dei due aggressori sono rimasti feriti, ma nessuno dei quattro è in pericolo di vita.

I due aggressori sono tra loro fratelli, sarebbero domenicani e, secondo fonti investigative riportate dall'Ansa, sono stati portati in questura dopo il furto di uno scooter. Uno di loro, dopo essere stato accompagnato in bagno, ha ingaggiato una colluttazione con gli agenti e ha sfilato la pistola a uno di loro, poi si è messo a sparare. Due agenti sono morti, altri tre sono rimasti feriti, uno dei due aggressori è stato subito immobilizzato, mentre l'altro ha provato a fuggire nei sotterranei della Questura ed è stato fine bloccato dai poliziotti.

In una nota la questura ha spiegato:

"I due fratelli autori della sparatoria erano stati accompagnati in Questura da personale delle Volanti dopo un'attività di ricerca del responsabile della rapina di uno scooter, avvenuta nelle prime ore del mattino. Per motivi in fase di accertamento uno dei due ha distolto l'attenzione degli agenti e ha esploso a bruciapelo più colpi verso di loro. Entrambi hanno tentato di fuggire dalla Questura, ma sono stati fermati"

Gli aggressori sono Alejandro Augusto Stephan Meran, di 29 anni, affetto da disagio psichico, e Carlysle Stephan Meran, di 32. A sparare sarebbe stato il più giovane.

Intanto a Trieste è stato proclamato il lutto cittadino e sono arrivate le reazioni da numerosi rappresentanti dello Stato e del mondo della politica, a partire dal Presidente della Repubblica.

Aggiornamento ore 18:19 - Arrivano notizie secondo cui i due agenti sarebbero morti e sarebbe coinvolto anche un terzo poliziotto. Secondo una prima ricostruzione sulla base delle dichiarazioni del titolare di un locale della zona, si sono sentiti gli spari provenire dall'interno della Questura, poi un giovane sarebbe uscito di corsa dalla Questura con in mano un'arma e avrebbe provato ad aprire un'auto della polizia parcheggiata lì vicino, senza riuscirci. Subito dopo sarebbero giunti alcuni agenti che lo hanno bloccato a terra. Colui che ha sparato e il fratello, che sarebbe rimasto ferito, erano stati arrestati questa mattina.

Sparatoria alla questura di Trieste

Venerdì 4 ottobre 2019, ore 17:46 - A Trieste, oggi pomeriggio, poco prima delle 17, c'è stata una sparatoria davanti alla Questura, nella zona tra via del Teatro Romano e via Bandena, proprio nel centro della città. Un uomo ha fatto fuoco contro i poliziotti che erano a bordo di una volante e almeno due di loro sarebbero rimasti feriti e forse anche in gravi condizioni, almeno secondo quanto si è appreso poco dopo.

Tra i feriti ci sarebbe anche il fratello dello sparatore. Sempre secondo le prime informazioni circolate, colui che ha sparato avrebbe partecipato a una rapina questa mattina. I testimoni dicono che i colpi di arma da fuoco sono stati parecchi e hanno scatenato il panico tra la gente. Ora la strada in cui è avvenuta la sparatoria è stata chiusa al traffico ed è protetta da un cordone di sicurezza.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO