Indonesia, italiano ucciso a coltellate sull’isola di Pulau Weh

italiano-di-reggio-emilia-ucciso-indonesia.jpg

Un italiano di 52 anni è stato ucciso in Indonesia. Luca Aldrovandi, questo il nome della vittima, si era trasferito da tempo nel paese asiatico e abitava sull'isola di Pulau Weh dove faceva l’operatore turistico: gestiva dei bungalow, un bar e "aveva trovato anche l’amore", secondo quanto riferisce Il Resto del Carlino.

Il corpo senza vita dell’uomo, originario di Guastalla (Reggio Emilia), è stato trovato riverso a terra nella veranda del suo appartamento, in una pozza di sangue. Aldrovandi sarebbe stato ucciso a coltellate e a fare la macabra scoperta verso le 8:00 del mattino ora locale, quando in Italia era piena notte, sarebbe stato un collaboratore dell’uomo.

Il fendente fatale sarebbe stato inferto all’altezza del collo. Sull’omicidio indaga la polizia di Sabang (provincia di Aceh) che dopo le prime indagini avrebbe già fermato un dipendente dell’italiano ucciso. La moglie indonesiana di Aldrovandi vive per buona parte dell’anno in Italia: appresa la notizia che non avrebbe mai voluto apprendere si è organizzata per tornare subito nel suo paese. Palau Weh si trova alla punta nord-occidentale dell’arcipelago.

Gli investigatori hanno ricostruito che il sospettato qualche ora prima del delitto avrebbe chiesto un permesso per tornare nel suo paese, a nord di Sumatra. I poliziotti lo hanno fermato lungo il tragitto, verso Medan. L’uomo è ora a disposizione dell'autorità giudiziaria.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO