Napoli, scossa di terremoto nella notte: paura tra la popolazione, gente in strada

terremoto napoli 6 icembre 2019

Un terremoto di magnitudo 2.8 è stato registrato nella zona di Napoli all'1:17 della scorsa notte. Alla prima scossa sono seguite repliche di minore energia. Secondo l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), la scossa principale ha avuto ipocentro a meno di 2 km di profondità ed epicentro tra Napoli e Pozzuoli, più precisamente nella zona del Pisciarelli di Agnano, nell'area flegrea, dove la popolazione è stata svegliata ed è scesa in strada.

Si è trattato dell’evento "più energetico che abbiamo registrato da quando è ripartita l’attività bradisismica nel 2006. In ogni caso sono delle magnitudo non elevate" ha detto all’Adnkronos Francesca Bianco, direttore dell’Osservatorio Vesuviano. Nella zona della Solfatara l’allerta è al livello di attenzione: "Se questo sciame avrà una significatività nel cambio di stato del vulcano è presto per dirlo, ma non sembra al momento un fenomeno molto più anomalo degli altri che abbiamo registrato" ha aggiunto Bianco.

Il terremoto è stato avvertito distintamente anche nel capoluogo, molte le segnalazioni in città, dal Vomero a Posillipo, da Fuorigrotta e Bagnoli fino a Quarto, Bacoli e Monteruscello. Il sisma è stato rilevato anche dai sensori del Matese. Al momento non si segnalano danni a persone o cose.

Dopo la scossa di magnitudo 2.8, altre sette piccole scosse sono state rilevate tra le 2:13 e le 5:12 dai sismografi dell'Osservatorio Vesuviano, eventi chiaramente avvertiti dai residenti nelle vicinanze della zona della Solfatara, anche per via della profondità superficiale.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO