Sedicenni investite e uccise a Roma, indagato per omicidio stradale Pietro Genovese (VIDEO)


Non si dà pace Pietro Genovese, il 20enne figlio del regista Paolo che ha investito due sedicenni a Roma nella notte tra sabato e domenica uccidendole.

Il padre del ragazzo parla di "dolore insopportabile" per la morte di Camilla Romagnoli e Gaia Von Freymann, strappate alla vita e alle loro famiglie mentre attraversavano la strada un attimo dopo che era scattato il rosso per i pedoni in corso Francia, all’altezza di Via Flaminia.

"Sono passato con il verde, non le ho viste" le parole di Genovese, riportate dal Messaggero. Il giovane è ora indagato per duplice omicidio stradale e rischia una condanna a 18 anni. Sarebbe stato trovato positivo ad alcol e droga ad un primo controllo (che ha stabilito la non negatività) ma la sorella smentisce: "Non ha bevuto né fumato, non era al telefono. C’era il verde ed è passato com'è giusto che sia... Siamo distrutti per quelle povere ragazze".

Pietro Genovese, alla guida di un Suv, stava rientrando dal quartiere Flaminio dove si era recato per una cena con gli amici che ora di lui dicono: "È un ragazzo in gamba... è stato sfortunato". Il Suv è stato sequestrato così come il cellulare del giovane per capire se effettivamente subito prima dell’impatto fosse al telefono o meno.

Poco prima di venire investita, una delle due ragazze, Camilla, aveva ricevuto un sms dalla madre che le chiedeva dove fosse, visto l’orario, poco dopo mezzanotte: "Sto tornando a casa" aveva risposto la 16enne. Poi la tragedia.

pietro genovese omicidio stradale

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO