Formia: uccide la cugina e il marito per l’eredità, poi si toglie la vita

Ci sarebbe una lite per l’eredità dietro il duplice omicidio e il suicidio di ieri a Formia, in provincia di Latina.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri un uomo di 64 anni, Pasqualino Forcina, ha ucciso a colpi di pistola la cugina di 67 anni, Fausta, e il marito 70enne della donna, Giuseppe Gionta, prima di togliersi la vita. Marito e moglie erano due insegnanti in pensione.

Tra i due ex professori e Forcina, pure pensionato, da mesi non correva buon sangue per via di una contesa eredità relativa ad alcuni appartamenti di famiglia e alcuni magazzini commerciali nel centro storico di Formia.

Durante l’ultima lite, avventura in strada, il 64enne avrebbe tirato fuori una pistola calibro 22 sparando alla cugina Fausta. Il marito della donna avrebbe cercato di fermarlo, ma è stato ucciso anche lui, raggiunto dai proiettili nell'androne delle scale del palazzo in cui la coppia abitava.

"Non avremmo mai potuto immaginare una cosa del genere. Era una famiglia rispettabilissima e all'esterno non era mai emerso nulla. Anche se erano molto riservati, qui a Formia li conoscevano tutti" dicono ora i residenti. Alcuni ex alunni delle vittime aggiungono: "È assurdo, fino a qualche anno fa i prof Forcina e Gionta erano stati nostri insegnanti. Per noi dei punti di riferimento".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO