Fermo, bimba morta in incendio in casa: "Rogo doloso", arrestata la madre

incendio-servigliano-morta-bimba-arrestata-la-madre.jpg

Non sarebbe stata una tragica fatalità, come era sembrato all'inizio. I carabinieri hanno arrestato la madre delle due bambine di quattro e sei anni rimaste intrappolate nell'incendio della loro abitazione a Servigliano (Fermo) la notte dell'8 gennaio.

La donna, una cittadina bulgara di 38 anni, agli investigatori aveva raccontato di essere riuscita a salvare dalle fiamme solo la figlia più piccola e non la più grande, morta a causa del rogo, secondo le prime ipotesi. Dopo dieci giorni di indagini però la svolta che sarebbe arrivata anche grazie agli esami autoptici.

Ora la procura accuserebbe la donna di incendio doloso e morte come conseguenza di altro reato, non di omicidio, almeno al momento. Alcune testate locali invece parlano di un’accusa di omicidio volontario già formalizzata.

La donna, che si era trasferita a Servigliano con la famiglia a settembre scorso, avrebbe ucciso la bimba e poi avrebbe appiccato le fiamme per coprire le prove, secondo l’anticipazione de Il Resto del Carlino.

In ogni caso stamane la 38enne, appena dimessa dall'ospedale, è stata posta in stato di fermo mentre la figlia più piccola era stata trasferita in una struttura protetta già nei giorni scorsi. Il padre delle due bambine non era in casa quando si è consumata la tragedia.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO