Torino, scritta antisemita su un palazzo: "Crepa sporca ebrea"

torino scritte antisemite ebrea palazzo

Un altro episodio di antisemitismo nel giro di poche ore dopo quello di Mondovì: a Torino, in corso Casale, è apparsa oggi la scritta "crepa sporca ebrea". Nello stabile vive una donna di origini ebree, figlia di una staffetta partigiana e che ha subito sporto denuncia in Questura. "Una frase terribile, soprattutto nel Giorno della Memoria - accusa la donna - . Termini vecchi, passati, che però fanno ancora male".

La Digos sta indagando sull’episodio: la scritta è apparsa sui muri del cortile interno al palazzo, a conferma che si sia trattato di un messaggio mirato ed inequivocabile. "Non ho mai fatto mistero delle mie origini, non ne ho mai visto il motivo – ha continuato la donna uscendo dalla Questura - Purtroppo il mio non è il primo caso - sostiene - e questa escalation fa riflettere. Meno male che in tante scuole gli insegnanti, e non solo, educano i ragazzi al rispetto dei veri valori della storia. È una brutta scritta, fa male. Fa tanto male...".

Appendino: "Continuate ad affogare nell'ignoranza"

Durissimo il commento della sindaca di Torino, Chiara Appendino: "Mentre la Città cancellerà quelle scritte, voi continuerete ad affogare nella vostra ignoranza e nel vostro anonimato. Finché le Forze dell'Ordine non vi troveranno, s'intende".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO