Coronavirus, Burioni: "Niente panico, ma il virus è molto infettivo. Sottovalutarlo può essere una tragedia" (Video)

L'analisi di Roberto Burioni dopo i due casi di coronavirus confermati in Italia.

Roberto Burioni è uno dei medici, professori e divulgatori scientifici italiani più seguiti perché è considerato molto affidabile. Sul suo sito Medical Facts oggi ha pubblicato un video, che potete vedere qui in alto, in cui parla dei due casi confermati di coronavirus in Italia, i due turisti cinesi di 65 e 66 anni che facevano parte di una comitiva arrivata a Milano e poi spostatasi nella Capitale. I due attualmente sono ricoverati presso l'ospedale Spallanzani.

Prima di tutto Burioni invita a non farsi prendere dalla paura, perché non ce ne è motivo:

"La notizia che temevamo è arrivata: ci sono due casi di coronavirus in Italia, come peraltro è successo in altri Paesi. Niente panico, niente paura, continuiamo a vivere la nostra vita normalmente, frequentiamo piazze, strade, ristoranti, anche cinesi, e preoccupiamoci del virus influenzale che circola, mentre fortunatamente il coronavirus ancora non circola"

Poi, però, Burioni sottolinea anche come in queste ore stiano circolando informazioni non corrette:

"Però non possiamo accettare che qualcuno faccia il 'cinese'. Non possiamo accettare che la tranquillizzazione della gente passi attraverso notizie scorrette. Io ho sentito dire questa mattina alla radio che il virus è poco infettivo: non è vero, questo virus è molto infettivo. Ho sentito dire ieri in una conferenza stampa che questo virus si trasmette nella norma da pazienti che hanno i sintomi: è vero, nella norma sono pazienti che hanno i sintomi, ma, credetemi, in questa situazione c'è ben poco rimasto nella norma e noi sappiamo con certezza che il virus si trasmette anche tra pazienti che non hanno ancora i sintomi. Non lo sappiamo dai dati cinesi, che sono confusi, lo sappiamo perché in Germania è accaduto che una persona sia arrivata dalla Cina, è stata alcuni giorni in Germania in buona salute, è ripartita in buona salute, ma nell'aereo che la riportava in Cina ha sviluppato i sintomi della malattia e purtroppo però in Germania, mentre stava bene, ha infettato almeno una persona. Quindi dobbiamo sapere che questo virus si trasmette con facilità e che purtroppo questo virus può essere trasmesso anche da persone che sono al termine dell'incubazione. Quindi quello che noi dobbiamo fare è evitare che questo virus si diffonda, evitare che questo virus rientri"

Con queste ultime affermazioni sostanzialmente Burioni smentisce il Prof. Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell'Istituto Spallanzani, che in conferenza stampa oggi ha detto che solo i pazienti che già presentano i sintomi sono contagiosi.

Burioni poi continua il suo discorso spiegando che cosa è necessario fare adesso:

"Bisogna chiaramente evitare l'arrivo di persona dalla Cina, sia da voli diretti, ma anche da voli che passano da altre nazioni, e soprattutto bisogna ricordarsi che in questo momento l'unico modo efficace per evitare il contagio è l'isolamento delle persone che sono a rischio di aver contratto la malattia come tutti quelli che vengono dalla Cina, come i turisti che facevano parte della comitiva che comprendeva questi due che si sono ammalati. Io non so cosa faccia in questo momento il nostro ministero e cosa facciano le autorità preposte, spero che, come hanno fatto fino ad adesso, continuino a muoversi in maniera efficiente, in maniera determinata, ricordando una cosa: se io in questo momento avessi una responsabilità di governo, mi troverei a prendere delle decisioni, delle decisioni che potrebbero essere sbagliate. Si potrebbe sbagliare per sottovalutazione o sopravvalutazione del pericolo. Ebbene io farei in modo di sbagliare solo per sopravvalutazione, perché sopravvalutare questo pericolo porta solo a qualche disagio economico, sottovalutarlo, invece, può essere una tragedia. Mi raccomando niente paura, niente panico, continuiamo la nostra vita normalmente, un saluto particolare ai cinesi e agli italiani di origine cinese ai quali va tutta la mia personale simpatia e solidarietà"

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO