Coronavirus, primo morto fuori dalla Cina. Oltre 300 i decessi

Si è verificato nelle Filippine il primo decesso fuori dalla Cina

Il bilancio dei decessi legati al coronavirus è stato aggiornato. Sono diventate 305 le persone che hanno perso la vita, 46 nella sola giornata di ieri: 45 persone sono morte nella provincia focolaio di Hubei e una nelle Filippine. Si è verificato, dunque, il primo decesso fuori dalla Cina. Si tratta di un cinese di 44 anni che era ricoverato presso il San Lazaro Hospital di Manila dal 25 gennaio scorso.

A dare la notizia è stato il segretario alla salute, Francisco Duque, che ha spiegato che l'uomo era il compagno della prima persona che ha manifestato i sintomi nelle Filippine, una donna cinese di 38 anni. Duque ha spiegato inoltre che negli ultimi giorni "il paziente era stabile e ha mostrato segni di miglioramento" ma poi le sue condizioni "sono peggiorate nelle ultime 24 ore con conseguente morte".

I due cinesi, entrambi originari di Wuhan, erano arrivati nelle Filippine il 21 gennaio dopo aver fatto transito da Hong Kong. Si tratta degli unici due casi accertati nel Paese.

Intanto la città di Wenzhou (3 milioni di abitanti) ha annunciato la decisione di isolarsi, chiudendo gli accessi stradali e autostradali. Si tratta della terza città dello Zhejiang, la provincia con il più alto numero di contagi (265) fuori dall'Hubei.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO