Coronavirus, rientrerà in Italia il 17enne bloccato a Wuhan

Le autorità cinesi hanno autorizzato il 17enne italiano che si trova ancora a Wuhan a rientrare in Italia. Il ragazzo si trova in Cina nell'ambito di un programma di scambio culturale e in un primo momento sarebbe dovuto tornare in Italia insieme agli altri 56 connazionali rientrati dall'epicentro dell'epidemia di coronavirus lo scorso 3 febbraio a bordo dell'aereo dell'aeronautica militare.

Purtroppo, però, non è stato possibile imbarcarlo insieme agli altri passeggeri perché poco prima della partenza aveva un po' di febbre. Subito si è pensato che potesse essere stato contagiato dal virus, ma fortunatamente questa ipotesi è stata scartata nelle ore successive grazie agli esami specifici ai quali è stato sottoposto.

Niccolò, questo il suo nome, è stato quindi sistemato in un b&b di Wuhan e affidato alle cure di due dipendenti del consolato italiano. L'Italia ha cercato di farlo rientrare nei giorni scorsi imbarcandolo sui voli organizzati da altri Paesi europei, a bordo dei quali hanno viaggiato anche altri italiani, ma non è stato possibile farlo perché aveva ancora un po' di influenza.

Domani un aereo militare italiano partirà appositamente per riportarlo a casa.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO