Alessandria: maltrattava bimbo autistico, maestra interdetta

maestra interdetta bimbo disabile

Al termine delle indagini condotte dalla Squadra Mobile e coordinate dalla procura, un’insegnante di scuola primaria della provincia di Alessandria è stata interdetta dalle sue funzioni in esecuzione di un’ordinanza del Tribunale del Riesame di Torino. L’accusa nei suoi confronti è di maltrattamenti nei confronti di un bambino di 8 anni, per giunta affetto da autismo.

Calci, pugni, spintoni, ma anche strattoni e trascinamenti per i piedi lungo il corridoio della scuola. Sarebbero questi i maltrattamenti accertati dalle forze dell’ordine da parte della maestra ai danni di un bambino autistico. Inoltre, in un’occasione, l’insegnante gli avrebbe anche calpestato volutamente la mano mentre il bimbo gattonava. L’insegnante di sostegno è stata interdetta dalle sue funzioni per sei mesi in seguito alla denuncia dei genitori del bambino. Mamma e papà si sono accorti che qualcosa non stesse andando per il verso giusto e che l’insegnante avesse poca cura nei confronti del loro figlio.

“Temiamo venga isolato. Abbiamo notato un cambiamento in lui. Qualcosa non va”, le confessioni della coppia alle forze dell’ordine. Per accertare i fatti, sono state così installate microcamere e microfoni all’interno della scuola: tra aprile e giugno 2019, i dispositivi hanno così consentito di accertare otto episodi in un solo mese. Inoltre, le riprese hanno confermato che in alcune occasioni il bambino anziché essere impegnato assieme ai compagni per integrarsi, veniva isolato con l’ausilio di un tablet, mentre l0insegnante di sostegno si dedicava ai propri interessi tramite uno smartphone. La maestra è stata contestualmente denunciata a piede libero per maltrattamenti nei confronti dei minori.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO