Coronavirus, Burioni risponde alla Gismondo: "Influenza? Scemenza gigantesca"

Questa mattina ha fatto il giro di internet uno status pubblicato su Facebook da Maria Rita Gismondo, direttrice responsabile di Macrobiologia Clinica, Virologia e Diagnostica Bioemergenze dell'Ospedale Sacco di Milano. La Dottoressa ha pubblicato poche righe per dire che, a suo avviso, l'allarme per il coronavirus rappresenterebbe una follia perché "si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale".

La dottoressa ha aggiunto che "non è così" e ha invitato tutti a "guardare i numeri": "Questa follia farà molto male, soprattutto dal punto di vista economico. I miei angeli (i suoi colleghi ndr) sono stremati. Corro a portar loro la colazione. Oggi la mia domenica sarà al Sacco. Vi prego, abbassate i toni! Serena domenica!".

Senza mai citare il nome della collega del Sacco, il Dott. Burioni ha pubblicato un post su Medical Facts con il quale ha preso le distanze dalle conclusioni alle quali è giunta la Gismondo. Burioni ha definito "una scemenza" affermare che si tratti di un virus paragonabile a quello di una normale influenza: "Uno dei cardini di Medical Facts è stato il tentare di informare nella maniera più corretta i nostri lettori. Mai allarmismi, ma neanche si possono trattare i cittadini come bambini di 5 anni. Qualcuno, da tempo, ripete una scemenza di dimensioni gigantesche: la malattia causata dal coronavirus sarebbe poco più di un’influenza. Ebbene, questo purtroppo non è vero. In questo momento in Italia sono segnalati 132 casi confermati e 26 di questi sono in rianimazione (circa il 20%). Sono numeri che non hanno niente a che vedere con l’influenza (i casi gravi finora registrati sono circa lo 0,003% del totale). Questo ci impone di non omettere nessuno sforzo per tentare di contenere il contagio. Niente panico, ma niente bugie".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO