Coronavirus, intera famiglia positiva per errore a Pavia, tutti dimessi: "Ma non siamo arrabbiati"

Coronavirus falsi positivi pavia

Gli esami di laboratorio avevano confermato la positività al coronavirus dell’intera famiglia, madre padre e le due figlie minorenni. Poi il dietrofront: c’è stato un errore. Accade a Miradolo Terme, in provincia di Pavia. Marito, moglie e le figlie di 17 e 13 anni erano tutti ricoverati al San Matteo.

Dopo il timore iniziale però "una dottoressa ci ha detto che c'è stato un errore in laboratorio. Ci stanno dimettendo, non siamo arrabbiati perché capiamo che sono cose che possono succedere. Ma ci siamo presi purtroppo davvero un bello spavento" racconta la madre delle ragazze.

I primi test eseguiti presso l’abitazione della famiglia da parte della squadra di pronto intervento del Policlinico, come da protocollo, avevano dato esito positivo, da qui il ricovero nel reparto Malattie infettive: prima per la 13enne che aveva la febbre alta, poi per la sorella, per il padre, odontotecnico, e la madre, dipendente di un’azienda di Borghetto Lodigiano, al confine con la cosiddetta zona rossa.

La figlia più grande dopo aver appreso della sua (falsa) positività aveva voluto subito rassicurare con un messaggio vocale la sua classe spiegando di "non essere preoccupata" e soprattutto di "non essere un’appestata".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO