Coronavirus e scuole chiuse, ISS: "Misura necessaria, forse sarà prorogata"

Gli esperti l'avrebbero indicata come una misura priva di "adeguata evidenza scientifica", ma questo parere è stato smentito.

Scuole chiuse coronavirus

Ci sono opinioni fortemente contrastanti sull'adeguatezza della misura presa ieri dal Presidente del Consiglio dei Ministri che ha deciso di chiudere le scuole in tutta Italia a causa dell'emergenza coronavirus, addirittura lo stesso Premier era fortemente scettico, ritenendolo un intervento esagerato, ma a convincerlo sarebbe stata la paura che il contagio possa diffondersi al Sud, dove le strutture sanitarie sono carenti.

Da ieri sera e fino a stamattina sono girate voci secondo cui a sconsigliare al Premier di chiudere le scuole in tutta la nazionale sarebbero stati gli esperti del Comitato tecnico nominato dalla Protezione Civile, che avrebbero considerato tale misura esagerata perché priva di "adeguata evidenza scientifica" e non proporzionata alla situazione epidemiologica delle altre regioni, quelle in cui non ci sono focolai.

Non è però chiaro se questi dubbi degli esperti siano veri o no, il governo fa fronte comune nel dire che non è assolutamente vero. Infatti oggi il viceministro dell'Economia Antonio Misiani del PD ad Agorà, su Raitre, ha detto che "c'è un verbale del Comitato tecnico-scientifico che ha chiesto la chiusura delle scuole, altro che schizofrenia del governo" e la ministra della Famiglia Elena Bonetti, di Italia Viva, a Circo Massimo su Radio Capital ha detto:

"Non corrisponde al vero che sulla sospensione delle lezioni il Comitato scientifico avesse dato parere contrario e non ci è stato riportato. È chiaro che dobbiamo evitare le modalità di contatto e prossimità delle persone e riorganizzare il vivere sociale, non annullarlo o bloccarlo"

E a mezzogiorno, in una conferenza stampa presso la sede della Protezione Civile, Silvio Brusaferro, Presidente dell'Istituto Superiore della Sanità, ha detto:

"Le misure del decreto servono a contenere il virus e quindi coerenti con l’obiettivo di ridurre contagio. Ci sono diversi pareri e trovano sintesi nel decreto. Misure devono avere due obiettivi: personale e collettivo dei comportamenti. Si tratta di misure coerenti con l’obiettivo che stiamo perseguendo: ridurre la probabilità che il virus circoli tra le persone"

E il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli ha aggiunto:

"La chiusura delle scuole è un sacrificio che serve e va fatto. La partita riguarda tutti i cittadini. Il documento che abbiamo mandato al governo non aveva indicazioni sulla durata di chiusura della scuola. Quanto è stato deciso dal consiglio dei ministri non è distante dalle indicazioni che avevamo dato per limitare il contagio e potrebbe esserci una proroga sullo stop alle lezioni"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO