Lo scrittore Alberto Arbasino è morto a 90 anni

Si è spento dopo una lunga malattia.

Alberto Arbasino

È stata diffusa oggi la notizia della morte dello scrittore Alberto Arbasino, che è deceduto ieri, domenica 22 marzo 2020, all'età di 90 anni, compiuti lo scorso gennaio. Secondo quanto riferito dai suoi famigliari, "si è spento serenamente" dopo una lunga malattia.

Era nato a Voghera nel 1930, si era laureato in Giurisprudenza alla Statale di Milano nel 1955 (dopo aver frequentato per un breve periodo Medicina a Pavia), per un po' fu assistente del giurista Roberto Ago. Cominciò a scrivere per riviste culturali come L'illustrazione italiana, Officina e Paragone. Il suo primo romanzo fu Fratelli d'Italia, pubblicato nel 1963. Fece parte del Gruppo '63. Tra le altre sue opere Super-Eliogabalo (1969), La bella di Lodi (1972), Parigi o cara (1960), Un paese senza (1980), L'ingegnere in blu (2008), La vita bassa (2008) solo per ricordarne alcuni.

Era noto e amato per le sue trovate intelligenti e ironiche: fu lui l'inventore dell'espressione "casalinga di Voghera".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO