Coronavirus: nuovi casi a Codogno dopo riapertura zona rossa

codogno nuovi contagi

A Codogno, il centro di circa 15mila abitanti in provincia di Lodi, spuntano nuovi casi di coronavirus. Nel luogo in cui fu scoperto circa un mese fa il primo caso italiano di positività al COVID-19, i contagi erano calati in seguito alla dichiarazione di “zona rossa” con relativo isolamento della città. Il trend dei contagi era sceso fino all’1%, ma come riferisce oggi il Corriere della Sera, negli ultimi giorni il trend è tornato in salita. "Abbiamo sei positivi in più - spiega il sindaco di Codogno nonché presidente della Provincia di Lodi, Francesco Passerini - Nelle ultime giornate eravamo fermi a 268 casi. Un segnale che i divieti introdotti con la zona rossa avevano funzionato".

Lombardia: "Più contagi? Fatti più tamponi"

Quanto all’aumento di contagi registrati in Lombardia nella giornata di ieri rispetto ai giorni precedenti, l'assessore regionale all'istruzione e medico, Melania Rizzoli, sottolinea che "è legato al fatto che si sono fatti più tamponi". In un solo giorno, infatti, sono stati effettuati oltre 6mila tamponi, contro i circa 2mila della giornata precedente. "Più positivi - prosegue l’assessore - non significa più malattie conclamate e la dimostrazione è che il numero dei ricoveri non è aumentato. Tutti noi abbiamo avuto una forte emozione ieri vedendo i dati ma i numeri vanno interpretati. È l'aumento dei tamponi effettuati che ha fatto sì che aumentasse il numero dei positivi".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO