Milano: si tuffa nel Naviglio in secca per sfuggire ai controlli e si spezza una gamba

coronavirus naviglio

Un cittadino nordafricano è finito in ospedale con una gamba fratturata dopo un tentativo di rapina. Per sfuggire alle forze dell’ordine che lo stavano inseguendo, infatti, l’uomo si è lanciato nel Naviglio, ma il corso d’acqua è in secca e si è spezzato una gamba. È successo in via Lodovico il Moro di Milano, dove una volante che stava pattugliando le vie per l’emergenza coronavirus, ha ricevuto la segnalazione di una rapina avventa in strada nei confronti di una donna.

Armato di coltello, il nordafricano si è fatto consegnare dalla signora il suo cellulare e si è dato alla fuga. Dapprima è stato però inseguito da una pattuglia, ma all’arrivo della seconda vettura a supporto dei primi agenti, si è lanciato nel Naviglio in secca. Nell’atterraggio, tutt’altro che morbido, il rapinatore si è fratturato una gamba rendendo necessario l’intervento dei vigili del fuoco con il nucleo Saf (Speleo Alpino Fluviale). Prima del trasporto al Niguarda, l’uomo è stato identificato e denunciato, ma non aveva con sé né il cellulare della donna né il coltello usato per minacciarla.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO