Elicottero caduto nella riserva naturale Tevere Farfa: si cerca equipaggio

Il velivolo è caduto dopo aver toccato i cavi dell'alta tensione.

Elicottero caduto Tevere

In zona Nazzano Romano, nella riserva naturale Tevere Farfa, un elicottero civile è caduto nel Tevere intorno alle ore 17 di oggi, venerdì 10 luglio 2020. Secondo alcuni testimoni il velivolo avrebbe toccato i fili dell'alta tensione prima di cadere in acqua e inabissarsi. Secondo fonti investigative l'elicottero sarebbe stato individuato con l'ecoscandaglio sul fondale del fiume, ma le operazioni di recupero non dovrebbero cominciare prima di domani.

La caduta dell'aereo è avvenuta vicino al ristorante "Piccolo Paradiso", ma le persone che erano nel locale hanno detto di non essersi accorti di nulla. Sono in corso le ricerche per trovare l'equipaggio del velivolo e sono all'opera i vigili del fuoco con squadre di terra, aria e mare, cioè con l'elicottero Drago 58 e un team di sommozzatori. Sono affiancati dai guardaparco della riserva che conoscono bene la zona e possono dare indicazioni utili soprattutto in relazione alla profondità dell'acqua. Il Presidente della riserva Dario Esposito ha detto: "Abbiamo messo a disposizione delle squadre dei sommozzatori i nostri battelli normalmente adibiti al servizio di navigazione collettiva che insieme al gommone dei vigili del fuoco stanno perlustrando le zone".

Non è il primo incidente di questo tipo che si verifica nella zona intorno a Roma: il 25 maggio un biposto della scuola di volo dell'Urbe si era inabissato nel Tevere e un ragazzo di 23 anni aveva perso la vita, mentre il suo istruttore era riuscito a salvarsi; pochi giorni dopo, il 31 maggio, un ultraleggero è caduto nei pressi di Nettuno e sono morti due giovani di 22 e 23 anni, entrambi nuotatori.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO