Il legale della famiglia Mondello: "Viviana Parisi e Gioele morti in due luoghi diversi"

L'avvocato Pietro Venuti fa un'ipotesi su come possano essere andate le cose.

Ricerche a Caronia

Questa mattina la Polizia Scientifica ha fatto un altro sopralluogo nei boschi di Caronia, in provincia di Messina, dove sono stati trovati i resti di Viviana Parisi e di suo figlio Gioele Mondello. Poiché i due corpi sono stati trovati distanziati di 300-400 metri, il legale della famiglia Mondello, Pietro Venuti, fa un'ipotesi:

"Noi pensiamo che Gioele e Viviana siano morti in due momenti e in due luoghi distinti, diversi, anche perché riteniamo complicato il trascinamento nella fitta boscaglia del corpo del bimbo. Magari la madre aveva perso Gioele ed è salita sul pilone, cadendo poi accidentalmente e, nel frattempo, il bimbo magari è caduto da qualche altra parte e poi è stato assalito dagli animali. Comunque speriamo che questi sopralluoghi possano chiarire la vicenda"

La Polizia Scientifica di Palermo, intanto, ieri ha eseguito dei nuovi esami sugli indumenti indossati da Viviana, che è stata trovata l'8 agosto sotto un traliccio. Si tratta di un esame piuttosto difficile perché il corpo era in avanzato stato di decomposizione e il Dna può essere deteriorato. Si cerca di capire se sul corpo c'è materiale di natura umana da cui estrarre il Dna, ma l'estrazione può essere piuttosto complicata o addirittura impossibile. Agli esami ha partecipato anche il medico legale incaricato dalla Procura di Patti, Elvira Ventura Spagnolo, che ha esaminato una campionatura.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO