Bus di scolari si ribalta. Le polemiche viaggiano in Rete

vercelli.jpg

Pochi giorni fa un pullman che portava a casa da una gita alcuni alunni di una scuola elementare si è ribaltato in una risaia nel Vercellese. Due bambini sono morti (il primo nello schianto mentre il secondo in ospedale), una quindicina i feriti.

Nel sangue dell'autista sono state trovate tracce di cannabis. L'uomo si è difeso dicendo di aver fumato uno spinello la sera prima ma gli inquirenti stanno indagando per capire il reale momento dell'assunzione della droga.

Le polemiche, ovviamente  - e giustamente, aggiungiamo noi - sono tante. Come può un autista farsi una canna se deve guidare un pullman carico di bambini? Che legame c'è con la liberalizzazione delle droghe leggere? Come si sentirà d'ora in poi un genitore, quando manda il figlioletto in gita, sapendo che magari l'autista del pullman su cui viaggerà il bimbo si è fatto uno spinello?

Siamo andati a vedere che cosa ne pensa la Rete.

Dalla Parte di chi Guida se la prende con chi "si ostina a tentare di migliorare la sicurezza stradale con gli autovelox, anziché aumentare il numero di pattuglie della Polstrada. Un autovelox non si accorge se un guidatore ubriaco o drogato non rispetta le distanze di sicurezza, compie manovre azzardate, non sorpassa in sicurezza. La Polstrada, invece, fermerebbe subito il conducente: addio licenza di guida".

Tra i politici, come era scontato, c'è chi ha attaccato la liberalizzazione delle droghe leggere e chi, dall'altra parte, ha ribadito che non c'è nessun nesso. E a tal proposito, ecco cosa dicono gli utenti. Qualcosa di destra critica il Ministro della Salute: "Ora la Turco dice che va valutata la possibilita’ di fare delle analisi periodiche per certe categorie di lavoratori. E ci arriva solo oggi? L’assunzione di Cannabis non e’ solo un fatto personale quando si e’ in contatto con gli altri. Questo vale se uno guida il mio autobus, oppure il mio aereo. Ma a chi piacerebbe essere operato da un chirurgo che si e’ sparato dieci spinelli prima?" mentre per L'Italia che non va è tutta una strumentalizzazione.

Addiction riporta le dichiarazioni di Giovanni Serpelloni, direttore dell’Osservatorio Regionale sulle Dipendenze del Veneto e del Dipartimento delle Dipendenze di Verona, che ha dichiarato: "La tragedia di Vercelli (...) è una drammatica conferma nei fatti della pericolosità dell'assunzione di cannabis, particolarmente se usata insieme ad alcol o altre droghe (poliassunzione), non solo per la vita di chi la usa ma anche – e questo caso ne è la triste dimostrazione – per quella di tutte le altre persone”.

Resistencia26-7, invece, difende la categoria degli autisti: "Pagati quattro soldi, per fare viaggi stressanti, stare 6 ore di seguito in un pullman di bambini, ragazzi, ultras casinisti, sotto un caldo torrido, o fare viaggi da Palermo a Milano in un solo giorno, arrivare in tempo sennò non si riceve grana, evitare il traffico, arrivi alla sera, stanco morto, stressato senza un minimo di energia vitale, ti fai uno spinello e sei pure un criminale da sbattere in galera per omicidio colposo, per spaccio o chissà per quale reato paragonabile a un reato mafioso".

Ma che significato hanno le gite? Se lo è chiesto La Pulce di Voltaire

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO