Venezuela, scontri in piazza per la libertà di espressione

caraca1s.jpg

Pochi giorni fa, in Venezuela, è stata chiusa l'emittente televisiva privata Radio Caracas Television (Rctv), dopo 53 anni di attività, per lasciare il posto a TVes, una nuova televisione di servizio pubblico voluta dal presidente Chavez.

Tale scelta ha scatenato moltissime critiche a livello internazionale e ha fatto scendere in piazza migliaia di manifestanti.

A Caracas, fin da domenica scorsa, sono iniziati una serie di scontri in piazza tra manifestanti che protestano per la chiusura della tv e forze di polizia. La scelta di chiudere l'emittente, infatti, è stata interpretata come la volontà statale di controllare i media per promuovere i valori della sua rivoluzione socialista. Anche i giornalisti e gli studenti sono scesi in piazza e gli scontri sono diventati violenti.

caracas.jpgPulce di Voltaire propone una serie di fotografie, video, e approfondimenti proprio su questi scontri, comrpesi gli ultimi aggiornamenti.

Cliccando sull'immagine qui a lato potete dare un'occhiata ai video amatoriali degli scontri di piazza in Venezuela.

Anche Reporters Senza Frontiere, l'organizzazione internazionale che lotta per la libertà di espressione, ha scelto di intervenire

“The closure of RCTV, which was founded in 1953, is a serious violation of freedom of expression and a major setback to democracy and pluralism,” the press freedom organisation said. “President Chávez has silenced Venezuela’s most popular TV station and the only national station to criticise him, and he has violated all legal norms by seizing RCTV’s broadcast equipment for the new public TV station that is replacing it.”

Directly or indirectly, President Chávez now controls almost all the broadcast media. RCTV’s closures is not, as he would have people believe, a mere administrative measure. It is a political move designed to reinforce his hegemony over the news media.

This attack on media pluralism is just the latest in a long series of press freedom violations in Venezuela that have included attacks on hundreds of journalists in recent years, a “media social responsibility” law that restricts their programming, criminal code amendments increasing the penalties for press offences, publication of a list of journalists who allegedly “sold out to US interests,” and verbal threats by Chávez against foreign journalists.

“We appeal to the international community to actively condemn this use of force and to defend what remains of the independent media in Venezuela,” Reporters Without Borders added".

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO