G8, Bush e Festa della Repubblica: la gente scende in piazza

Germania%20g8.jpg

Weekend di all'insegna della gente in piazza. Per manifestare, per celebrare, per contestare. Il mese di giugno, insomma, si sta rivelando il mese dello scontento.

Iniziamo con la celebrazione di sabato scorso, 2 giugno, quando si è festeggiato l'anniversario della nascita della Repubblica Italiana. A Roma si è svolta la tradizionale parata lungo via dei Fori Imperiali, con la partecipazione di personale militare e civile. Molta gente ha assistito alla sfilata. Una ricorrenza, che ha fatto discutere la blogosfera: qualcuno, come Etrusco e Roma 2011, ha espresso gli auguri per l'anniversario, altri si chiedono che senso abbia la parata (Embedded), altri ancora si interrogano sul valore della Costituzione (Siena&Maremma).

Tra due giorni, invece, in Germania si svolgerà il G8, il vertice dei 7 Paesi più industrializzati al mondo (Stati Uniti, Giappone, Germania, Regno Unito, Francia, Italia, Canada) più la Russia (qui il programma dell'evento). Come racconta il Professor Echos, la viglia di questo incontro si manifesta infuocata: "Come era intuibile, i manifestanti anti G8 riuniti a Rostock, città portuale della Germania nord orientale, e avamposto dei manifestanti, a una decina di chilometri da Heiligendamm, sede del vertice dal 6 all'8 giugno, dove si parlerà anche di clima e CO2, hanno lanciato massicci assalti contro le forze dell'ordine". Si parla di mille feriti.

A poco a poco che vengono diffuse le notizie sugli scontri tra i black bloc aumenta la preoccupazione per ciò che potrebbe accadere sabato prossimo, 9 giugno, a Roma, a causa della visita in Italia di George Bush, che incontrerà il Governo italiano, il presidente Napolitano e Papa Benedetto XVI. Su Visti da Lontano trovate alcune riflessioni di Richard Owen, corrispondente  del Times a Roma mentre se volete soddisfare la vostra curiosità potete leggere su Species cosa mangeranno i coniugi Bush a Roma. Per l'arrivo del presidente americano, infatti, sono previste manifestazioni e contestazioni (Guardate cosa è successo a Milano su Milano 2.0).

prodi.pngNon è finita qui. Come spiega Roma 2011, contestazioni ci sono state anche ieri, a Trento, durante il vertice dell'Economia. Il presidente del Consiglio Romano Prodi, infatti, proprio mentre stata tenendo il suo intervento, è stato fischiato da alcuni componenti del comitato "No dal Molin" in merito alla scelta dell'allargamento della base militare di Vicenza. La portavoce dei contestatori ha detto "Ci stanno trattando in una maniera ignobile e mi spiace tanto perché io sono una che l'ha votata, presidente, e si è sentita tradita perchè l'ha votata sulla base di un programma che parlava di riduzione delle servitù militari e democrazia partecipata. Dove sono quelle parole?" (Fonte Corriere della Sera).

Per concludere, il 16 giugno - che pare essere il mese della gente in piazza - è previsto Gay Pride a Roma. Vi spiega tutto Omoios.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO