Gli incidenti stradali e l'alcol: un problema che non si riesce a risolvere

strage.jpgUPDATE 19/07/2007 16:50
Su Dalla Parte di Chi Guida trovate un approfondimento sulla vicenda di Luca Zaia e dell'equivoco dei 150 Km orari e quattro proposte per migliorare la sicurezza stradale.

Il ministro dell'Interno Giuliano Amato proporrà al Senato il sequestro dell'auto a chi guida in stato di ebbrezza. Dopo i recenti fatti di cronaca - in realtà i morti sulle strade ci sono tutto l'anno e non solo quando i media decidono di porre l'attenzione su queste stragi - anche la politica cerca di rimediare al dramma.

In questo weekend sono  state 36 le vittime degli incidenti stradali. In diminuzione rispetto allo scorso anno ma non è comunque una consolazione.

Passi nel Deserto analizza le reazioni della classe politica in questi giorni mentre Addiction ragiona sulla genetica dell'alcolismo (qui e qui) spiegando quali siano i danni permanenti dovuti all'abuso di questa sostanza.

Psicocafè, valutando la variazione delle condizioni psicofisiche in relazione alla quantità di alcol assunta, si chiede se mettersi alla guida in stato di ebbrezza possa essere considerato omicidio volontario.

Zezzygoal si domandache senso abbia vendere auto in grado di superare i limiti di velocità imposti dalla Legge. Pikozzo, invece, vi racconta alcuni aneddoti della vita delle vittime degli incidenti stradali di questo weekend.

Per Tamarro Italiano il problema è un altro: "Ciò che più ci rovina è la cultura dello sballo: capita che incontro gente delle altre compagnie e io passo per sfigato perchè sto bevendo la Lemon Soda. Anche se fai le battute più belle, non interessa a nessuno. Invece fa ridere che uno è ubriaco. Magari sei steso per terra, ubriaco, e susciti simpatia e ilarità". 

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO