Torna a casa dopo tre mesi grazie ad un... internet point

tastierainter.jpgAlberto Zabbialini, il 28enne bresciano scomparso tre mesi fa dalla sua abitazione di Muscoline, è tornato a casa. E il merito va ad un... internet point.

Spieghiamo meglio: credendo di essere affetto da una grave malattia infettiva era sparito nel nulla il 13 maggio senza lasciare traccia. Si pensava addirittura al peggio, ma alla fine si è fatto di nuovo vivo anche perché la diagnosi era sbagliata.

"Ora tutto è a posto - ha detto l'uomo apparso dimagrito di oltre dieci chili ai giornalisti - Sono stato per tre mesi nei boschi poi ultimamente mi sono deciso a cercare informazioni, sono entrato in un internet point a Genova, e digitando il mio nome ho scoperto che si era tanto parlato di me e che non avevo niente".

zabbialini1.jpgNon ha voluto parlare della diagnosi sbagliata: "Non fatemi pensare a quel medico". Ora la famiglia sta pensando di rivolgersi ad un legale per intentare una causa contro il medico che aveva comunicato la "terribile notizia" a Alberto per telefono.

Ora tutto è finito grazie ad internet. Insomma, la Rete serve davvero a qualcosa...

In molti nella blogosfera ne stanno parlando. Hai Sentito dice "E' finita la paura". Un po' di qua, un po' di là afferma "Bene così". Ora si spera che anche Federico Ferrara, 23enne sparito a Milano il 24 luglio, dia sue notizie.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO