Terribile terremoto in Perù: stato di emergenza, città rase al suolo

terremotoperu.jpgUn terribile terremoto ha colpito il Perù. Ci siamo svegliati con questa tremenda notizia. Alle ore 18.40 peruviane (l'1.40 in Italia) un terremoto, di magnitudo 7.9 della scala Richter, ha scosso il Perù provocando 115 morti (dato purtroppo in crescita) e oltre mille feriti. L'epicentro del sisma è stato individuato vicino a Pisco. Colpite anche Lima, Callao, Chincha e Ica. Si parla di quattro scosse: la prima ha superato i due minuti, quelle successive di assestamento poco meno di sessanta secondi.

Tanto per darvi una idea abbiamo letto in rete che un terremoto di magnitudo 7.9 non lascia praticamente illeso nessun edificio. Si è generato a 30 km di profondità ed è stato avvertito anche negli Stati confinanti. In ogni caso la gran parte degli edifici sembrano avere reagito piuttosto bene. Purtroppo molte zone sono rimaste senza energia elettrica e questa situazione rende difficile il soccorso dei feriti (in questo momento sono le 2 del mattino). Il Ministro della Sanità, Carlos Vallejos, è apparso molto provato: "Gli ospedali sono ormai al collasso" ha detto.

(Continui aggiornamenti in fondo al post) 

terremotoperu1.jpgFortunatamente in Perù, Cile, Ecuador e Colombia è rientrato l'allarme tsunami in quanto il sisma ha generato solo una piccola onda anomala senza conseguenze. Il presidente peruviano, Alan Garcia, ha fatto le condoglianze alle famiglie delle vittime: "E' una cosa terribile, ma fortunatamente non c'è stata una catastrofe con un immenso numero di morti".

UPDATE! ore 10.00
I media locali parlano di varie arterie di comunicazione bloccate da crolli e frane e di popolazione nel panico. La città più colpita sembra Ica.

Ne parla anche Rotta a Sud Ovest. Qui i link dei maggiori quotidiani italiani per seguire la situazione: Il Giornale, La Repubblica, La Stampa, Corriere della Sera.Utili anche Einnews.com, Wikio, Technorati e Google.

UPDATE! ore 11:06
Cresce purtroppo il conto dei morti salito a 330. Per ora non risultano italiani tra le vittime. Lo ha comunicato la Farnesina.

UPDATE! ore 11:20
Altri link utili (portali peruviani): Peru21, Trome, LaRepublica.

UPDATE! ore 11:52
Aggiungiamo anche USGS, il portale del United States Geological Survey (Wikipedia), agenzia scientifica del Governo degli Stati Uniti. Gli scienziati dell'USGS studiano territorio, risorse e rischi naturali. C'è già una pagina dedicata al sisma peruviano con mappe, foto satellitari e molti dati. Non meno importante il link di Wikinews.

UPDATE! ore 13:05
I morti sono saliti a 337. Ancora nessun italiano tra le vittime. La Farnesina ha fatto sapere che in Perù si trovano circa duemila turisti italiani, mentre la comunità raggiunge le 30mila unità. Comunque la provincia di Ica non è a grande flusso turistico. Console e Ambasciatore stanno monitorando la situazione.

UPDATE! ore 16:05
Ancora nessun italiano fra le vittime e neppure tra i feriti. In Perù si trovano 29mila italiani residenti e 2.500 turisti. Nella provincia di Ica si trovano due gruppi di nostri turisti. Uno è già stato rintracciato, mentre si cerca ancora di contattare il secondo. La Farnesina sta anche utilizzando il portale www.dovesiamonelmondo.it che molti utilizzano per segnalare dove si recano all'estero. 

Il Ministero della Sanità peruviano ha lanciato un appello urgente ai cittadini invitandoli a donare il sangue.

UPDATE! ore 16:35
Salgono a quota 387 le vittime, 1060 i feriti. Nelle città colpite dal sisma le linee telefoniche sono interrotte. I giornali peruviani parlano di "due minuti di puro terrore". Dopo la prima scossa di magnitudo 7.9 ne sono state registrate altre 25. Voci provenienti da Ica e Chincha parlano di città praticamente rase al suolo. Spagna, Italia e Francia hanno già offerto il loro aiuto. 

UPDATE! Ore 18:05
Gravi problemi nelle zone colpite dal sisma. Mancano i beni di prima necessità. I negozianti non stanno vendono nulla perché preferiscono conservare gli alimenti  per i propri familiari. Centinaia di famiglie si trovano senza un tetto ormai da quasi un giorno.

UPDATE! Ore 22:50
Ora si contano oltre 500 morti e 1600 feriti. Circa 660 detenuti sono fuggiti dal carcere di Tambo de Mora di Chincha, a oltre 200 chilometri da Lima, dopo che il terremoto ha causato il crollo delle pareti della prigione. 

UPDATE! 17 agosto 2007: gli aggiornamenti continuano qui.  

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO