Omicidio di Garlasco, vestiti insanguinati in un canale: sono dell'assassino?

carabinieri_ris.jpg

Forse siamo ad una svolta, sempre che gli abiti insanguinati trovati in un canale a 5 km da Garlasco, dove due settimane fa è stata uccisa Chiara Poggi, siano veramente riconducibili all'assassino.

Le speranze ci sono, visto che il canale passa proprio vicino alla casa di Chiara. Se i vestiti sono stati gettati realmente dall'assassino, sono arrivati fin là grazie alla corrente. Il Ris di Parma è già al lavoro, tra qualche giorno si saprà se realmente appartengono all'assassino. Una prova che potrebbe definitivamente scagionare, o incastrare, Alberto Stasi, ancora unico indagato. 

Si tratta di un paio di pantaloni lunghi, un paio di pantaloncini e delle scarpe da tennis. Ma forse ci sarebbero anche delle cannottiere. Scrive il Corriere: i carabinieri li hanno recuperati da un canale senza nome tra Gropello Cairoli e Villanova D'Ardenghi, nel tardo pomeriggio di sabato. Erano in un un sacchetto. Li ha visti un passante e ha chiamato il 112, così pochi minuti più tardi il sacchetto è stato recuperato e spedito al Ris di Parma.

Può anche darsi che quegli indumenti (da uomo) non abbiano niente a che fare con l'assassino di Chiara Poggi ma sono i soli vestiti «sospetti » trovati non lontano dalla zona del delitto (fra Garlasco e il canale ci sono 5-6 chilometri) e gli inquirenti non possono permettersi di tralasciare nulla. Anche perché da una prima occhiata si direbbero sporchi di sangue o, quantomeno, di qualcosa che gli assomiglia molto.

Si sperava di poter trovare l'arma del delitto, ma nel canale, esaminato a fondo, non è stato trovato nulla.
 
Alfonso Lauro, procuratore di Vigevano, ieri aveva affermato che «si indaga a 360 gradi», ma ha anche affermato che la pressione mediatica rende «tutto estremamente difficile»: «qui non siamo a Csi dove si risolve tutto in mezz'ora», ha affermato.

E' stata chiarita anche la dinamica dell'omicidio: l'assassino è entrato dall'ingresso principale, proprio lì avrebbe subito colpito Chiara, più volte, mentre lei gli voltava le spalle. Un dettaglio che potrebbe poi servire per reggere l'ipotesi della premeditazione.

Le indagini hanno anche portato ad affermare con certezza che Chiara non aveva amanti, anche se questo delitto ha sicuramente motivazioni passionali.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO