Rabbia e dolore per la morte di Gabriele Sandri: cronaca di una folle domenica calcistica

guerriglia.jpg

Ieri è morto il 28enne Gabriele Sandri. Una terribile tragedia si è consumata nell'area di servizio dell'austostrada A1 nei pressi di Arezzo. Una fatalità che ha trasformato una tranquilla domenica calcistica in una giornata di guerriglia urbana.

gabriele-sandri-foto9.jpgSe ne parla su Blogosfere Sport e Motori in un post che riportiamo qui: Pensavamo di vivere la classica (e divertente) domenica calcistica e invece ci siamo ritrovati a piangere la morte di un 26enne e osservare la follia di teppisti travestiti da tifosi. Ieri è morto Gabriele Sandri, tifoso laziale colpito accidentalmente da un proiettile partito dalla pistola di un agente della stradale.

Ancora non è chiaro cosa sia avvenuto nell'area di servizio della A1 nei pressi di Arezzo (ora l'agente ha dichiarato: "Ho sparato un colpo in aria e poi, mentre correvo, mi è partito un altro colpo"), ma la tragedia ha scetanato la violenza di chi non aspettava altro per sfogarsi. Qualcuno ha urlato "Assassini" alla polizia, altri hanno esposto striscioni come "La morte è uguale per tutti" ricordando lo stop del campionato dopo la scomparsa Filippo Raciti. Non si è giocato dopo la scomparsa dell'ispettore di polizia, non si doveva giocare dopo la morte di Gabriele. Hanno pensato così, hanno spaccato tutto a Bergamo, hanno deciso di farsi giustizia a Roma. E' stata una domenica senza senso. Una domenica che non ha lasciato indifferente la blogosfera. Qui i post di Sostenibile, Passi nel Deserto e Omoios. Su Blogosfere Politica e Società le reazioni della politica italiane e alcune riflessioni interessanti.

Sul MySpace di Gabriele Sandri continuano ad arrivare messaggi in ricordo del 28enne. Si è formata una grande comunità di persone unite nel dolore. Calciomalato, dopo avere seguito gli incidenti avvenuti a Roma, cerca di analizzare la situazione parlando anche degli organi di informazione, che forse hanno contribuito a rendere incandescente la domenica appena conclusa. La Pulce di Voltaire spera "che alla vittima sia resa giustizia" ma critica "il tentativo di trasformare un omicidio (colposo o no, deciderà il giudice) in una giornata di guerra contro la polizia". Dello stesso parere Sdoppiamo Cupido

Libero Pensiero afferma che non si doveva giocare su nessun campo. Etrusco non nasconde la sua amarezza e il suo disamore per un calcio che non riconosce più. Politicando si dice vicino alla famiglia Sandri.

Ora sappiamo che l'agente (Luigi S.), 30enne, è sposato ed ha due figli. Ha alle spalle dieci anni di esperienza. E' stato un terribile incidente, ma qualcuno deve iniziare a parlare. C'è qualcosa che non va nel "sistema". Se un agente corre con la pistola in mano in una sistuazione come quella c'è qualcosa che non va. I dieci anni di esperienza contano se le persone vengono preparate nel migliore dei modi. Quell'agente è stato ben preparato? Le forze dell'ordine sono in grado di dare "ordine" al nostro Paese nel modo più giusto? Queste sono domande che meritano risposte. Non promesse. Risposte.

p.s.
Sulla vetrina del negozio della famiglia Sandri era spuntato un cartello (lo vedete qui sopra) sul quale si leggeva: "Ieri un bastardo schifoso ha assassinato mio figlio. Che tu sia maledetto per sempre". Non era opera dei familiari di Gabriele che lo hanno fatto sparire subito.

UPDATE! Ore 14:50: L'agente è indagato per omicidio colposo. Per dare una ulteriore occhiata alla blogosfera andate su Technorati. Potete seguire la vicenda su Wikio.it

UPDATE! Ore 15:54: Rivelazione choc di un testimone: "Ha sparato impugnando la pistola con entrambe le mani e le braccia erano tese. Non mi sembra sparasse in aria, anzi...".

UPDATE! Ore 19:40: la Figc ha deciso lo stop dei campionati di B e C per il prossimo weekend. Possibile che anche la A decida di fermarsi dopo la sosta per la Nazionale. Inoltre dal 1° marzo chi non avrà organizzato uno staff di steward dovrà giocare a porte chiuse.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO